Dopo il video di Radio Radio, l’articolo tradotto in maniera “letterale” (originale scaricabile in Pdf)

L’articolo a cui fa riferimento Fabio Duranti è redatto da Paul D Thacker, giornalista investigativo d’inchiesta.

BMJ – BRISTISH AMERICA JOURNAL (articolo tradotto)

Original languageTraduzione letterale (non logica)
Paul D Thacker, investigative journalist
Author affiliations
Revelations of poor practices at a contract research company helping to carry out Pfizer’s pivotal covid-19 vaccine trial raise questions about data integrity and regulatory oversight. Paul D Thacker reports
In autumn 2020 Pfizer’s chairman and chief executive, Albert Bourla, released an open letter to the billions of people around the world who were investing their hopes in a safe and effective covid-19 vaccine to end the pandemic. “As I’ve said before, we are operating at the speed of science,” Bourla wrote, explaining to the public when they could expect a Pfizer vaccine to be authorised in the United States.1
But, for researchers who were testing Pfizer’s vaccine at several sites in Texas during that autumn, speed may have come at the cost of data integrity and patient safety. A regional director who was employed at the research organisation Ventavia Research Group has told The BMJ that the company falsified data, unblinded patients, employed inadequately trained vaccinators, and was slow to follow up on adverse events reported in Pfizer’s pivotal phase III trial. Staff who conducted quality control checks were overwhelmed by the volume of problems they were finding. After repeatedly notifying Ventavia of these problems, the regional director, Brook Jackson, emailed a complaint to the US Food and Drug Administration (FDA). Ventavia fired her later the same day. Jackson has provided The BMJ with dozens of internal company documents, photos, audio recordings, and emails.
1.      Paul D Thacker, giornalista investigativo
Affiliazioni autori
Le rivelazioni di cattive pratiche in una società di ricerca a contratto che aiuta a realizzare lo studio cardine del vaccino covid-19 di Pfizer sollevano domande sull’integrità dei dati e sulla supervisione normativa. Paul D Thacker  riferisce
Nell’autunno 2020 il presidente e amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla, ha pubblicato una lettera aperta ai miliardi di persone in tutto il mondo che stavano investendo le loro speranze in un vaccino covid-19 sicuro ed efficace per porre fine alla pandemia. “Come ho detto prima, stiamo operando alla velocità della scienza”, ha scritto Bourla, spiegando al pubblico quando potrebbero aspettarsi che un vaccino Pfizer sia autorizzato negli Stati Uniti. 1
Ma, per i ricercatori che stavano testando il vaccino di Pfizer in diversi siti in Texas durante quell’autunno, la velocità potrebbe essere arrivata a scapito dell’integrità dei dati e della sicurezza del paziente. Un direttore regionale che era impiegato presso l’organizzazione di ricerca Ventavia Research Group ha detto al BMJ  che la società ha falsificato i dati, i pazienti non in blindo, ha impiegato vaccinatori non adeguatamente addestrati ed è stata lenta a seguire gli eventi avversi riportati nello studio registrativo di fase III di Pfizer. Il personale che ha condotto i controlli di qualità è stato sopraffatto dal volume di problemi che stavano trovando. Dopo aver ripetutamente informato Ventavia di questi problemi, il direttore regionale, Brook Jackson, ha inviato una denuncia via e-mail alla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. Ventavia l’ha licenziata più tardi lo stesso giorno. Jackson ha fornito  al BMJ  dozzine di documenti interni all’azienda, foto, registrazioni audio ed e-mail.
Poor laboratory management
On its website Ventavia calls itself the largest privately owned clinical research company in Texas and lists many awards it has won for its contract work.2 But Jackson has told The BMJ that, during the two weeks she was employed at Ventavia in September 2020, she repeatedly informed her superiors of poor laboratory management, patient safety concerns, and data integrity issues. Jackson was a trained clinical trial auditor who previously held a director of operations position and came to Ventavia with more than 15 years’ experience in clinical research coordination and management. Exasperated that Ventavia was not dealing with the problems, Jackson documented several matters late one night, taking photos on her mobile phone. One photo, provided to The BMJ, showed needles discarded in a plastic biohazard bag instead of a sharps container box. Another showed vaccine packaging materials with trial participants’ identification numbers written on them left out in the open, potentially unblinding participants. Ventavia executives later questioned Jackson for taking the photos.
Early and inadvertent unblinding may have occurred on a far wider scale. According to the trial’s design, unblinded staff were responsible for preparing and administering the study drug (Pfizer’s vaccine or a placebo). This was to be done to preserve the blinding of trial participants and all other site staff, including the principal investigator. However, at Ventavia, Jackson told The BMJ that drug assignment confirmation printouts were being left in participants’ charts, accessible to blinded personnel. As a corrective action taken in September, two months into trial recruitment and with around 1000 participants already enrolled, quality assurance checklists were updated with instructions for staff to remove drug assignments from charts.
In a recording of a meeting in late September2020 between Jackson and two directors a Ventavia executive can be heard explaining that the company wasn’t able to quantify the types and number of errors they were finding when examining the trial paperwork for quality control. “In my mind, it’s something new every day,” a Ventavia executive says. “We know that it’s significant.”
Ventavia was not keeping up with data entry queries, shows an email sent by ICON, the contract research organisation with which Pfizer partnered on the trial. ICON reminded Ventavia in a September 2020 email: “The expectation for this study is that all queries are addressed within 24hrs.” ICON then highlighted over 100 outstanding queries older than three days in yellow. Examples included two individuals for which “Subject has reported with Severe symptoms/reactions … Per protocol, subjects experiencing Grade 3 local reactions should be contacted. Please confirm if an UNPLANNED CONTACT was made and update the corresponding form as appropriate.” According to the trial protocol a telephone contact should have occurred “to ascertain further details and determine whether a site visit is clinically indicated.”
Scarsa gestione del laboratorio
Sul suo sito web Ventavia si definisce la più grande società di ricerca clinica privata in Texas ed elenca molti premi che ha vinto per il suo lavoro a contratto. 2  Ma Jackson ha detto a The BMJ  che, durante le due settimane in cui è stata impiegata a Ventavia nel settembre 2020, ha ripetutamente informato i suoi superiori della cattiva gestione del laboratorio, dei problemi di sicurezza dei pazienti e dei problemi di integrità dei dati. Jackson era un auditor di studi clinici addestrato che in precedenza ha ricoperto una posizione di direttore delle operazioni ed è arrivato a Ventavia con oltre 15 anni di esperienza nel coordinamento e nella gestione della ricerca clinica. Esasperato dal fatto che Ventavia non stesse affrontando i problemi, Jackson ha documentato diverse cose a tarda notte, scattando foto sul suo cellulare. Una foto, fornita a  The BMJ,mostrava aghi scartati in un sacchetto di plastica a rischio biologico invece di una scatola di contenitori per oggetti taglienti. Un altro ha mostrato materiali di imballaggio del vaccino con i numeri di identificazione dei partecipanti allo studio scritti su di essi lasciati all’aperto, potenzialmente in seguito ai partecipanti. I dirigenti di Ventavia in seguito hanno interrogato Jackson per aver scattato le foto.
Lo srotoliamento precoce e involontario potrebbe essersi verificato su una scala molto più ampia. Secondo il disegno dello studio, il personale non in blindo era responsabile della preparazione e della somministrazione del farmaco in studio (vaccino di Pfizer o un placebo). Questo doveva essere fatto per preservare l’accecamento dei partecipanti allo studio e di tutto il personale del sito, incluso il ricercatore principale. Tuttavia, a Ventavia, Jackson ha detto al BMJ  che le stampe di conferma dell’assegnazione della droga venivano lasciate nelle classifiche dei partecipanti, accessibili al personale non vedente. Come azione correttiva intrapresa a settembre, a due mesi dal reclutamento dello studio e con circa 1000 partecipanti già iscritti, le liste di controllo della qualità sono state aggiornate con le istruzioni per il personale per rimuovere le assegnazioni di farmaci dai grafici.
In una registrazione di un incontro alla fine di settembre 2020 tra Jackson e due direttori, si può sentire un dirigente di Ventavia spiegare che la società non è stata in grado di quantificare i tipi e il numero di errori che stavano trovando durante l’esame dei documenti di prova per il controllo qualità. “Nella mia mente, è qualcosa di nuovo ogni giorno”, dice un dirigente di Ventavia. “Sappiamo che è significativo.
Ventavia non stava tenendo il passo con le query di inserimento dati, mostra un’e-mail inviata da ICON, l’organizzazione di ricerca a contratto con cui Pfizer ha collaborato allo studio. ICON ha ricordato a Ventavia in una e-mail di settembre 2020: “L’aspettativa per questo studio è che tutte le domande vengano affrontate entro 24 ore”. ICON ha quindi evidenziato oltre 100 query in sospeso più vecchie di tre giorni in giallo. Gli esempi includevano due individui per i quali “Il soggetto ha riportato sintomi / reazioni gravi … Secondo il protocollo, i soggetti che manifestano reazioni locali di grado 3 devono essere contattati. Si prega di confermare se è stato effettuato un CONTATTO NON PIANIFICATO e aggiornare il modulo corrispondente come appropriato. Secondo il protocollo di sperimentazione avrebbe dovuto verificarsi un contatto telefonico “per accertare ulteriori dettagli e determinare se una visita in loco è clinicamente indicata”.
Worries over FDA inspection
Documents show that problems had been going on for weeks. In a list of “action items” circulated among Ventavia leaders in early August 2020, shortly after the trial began and before Jackson’s hiring, a Ventavia executive identified three site staff members with whom to “Go over e-diary issue/falsifying data, etc.” One of them was “verbally counseled for changing data and not noting late entry,” a note indicates.
At several points during the late September meeting Jackson and the Ventavia executives discussed the possibility of the FDA showing up for an inspection (box 1). “We’re going to get some kind of letter of information at least, when the FDA gets here . . . know it,” an executive stated.
Preoccupazioni per l’ispezione della FDA
I documenti mostrano che i problemi erano in corso da settimane. In un elenco di “elementi di azione” circolati tra i leader di Ventavia all’inizio di agosto 2020, poco dopo l’inizio del processo e prima dell’assunzione di Jackson, un dirigente di Ventavia ha identificato tre membri dello staff del sito con cui “Esaminare il problema dell’e-diario / falsificare i dati, ecc.” Uno di loro è stato “consigliato verbalmente per cambiare i dati e non notare l’ingresso in ritardo”, indica una nota.
In diversi punti durante l’incontro di fine settembre Jackson e i dirigenti di Ventavia hanno discusso la possibilità che la FDA si presenta per un’ispezione(riquadro 1). “Otterremo almeno una sorta di lettera di informazioni, quando la FDA arriverà qui. . . sappiatelo”, ha dichiarato un dirigente.
Box 1
A history of lax oversight
When it comes to the FDA and clinical trials, Elizabeth Woeckner, president of Citizens for Responsible Care and Research Incorporated (CIRCARE),3 says the agency’s oversight capacity is severely under-resourced. If the FDA receives a complaint about a clinical trial, she says the agency rarely has the staff available to show up and inspect. And sometimes oversight occurs too late.
In one example CIRCARE and the US consumer advocacy organisation Public Citizen, along with dozens of public health experts, filed a detailed complaint in July 2018 with the FDA about a clinical trial that failed to comply with regulations for the protection of human participants.4 Nine months later, in April 2019, an FDA investigator inspected the clinical site. In May this year the FDA sent the triallist a warning letter that substantiated many of the claims in the complaints. It said, “[I]t appears that you did not adhere to the applicable statutory requirements and FDA regulations governing the conduct of clinical investigations and the protection of human subjects.”5
“There’s just a complete lack of oversight of contract research organisations and independent clinical research facilities,” says Jill Fisher, professor of social medicine at the University of North Carolina School of Medicine and author of Medical Research for Hire: The Political Economy of Pharmaceutical Clinical Trials.
Riquadro 1
Una storia di supervisione lassista
Quando si tratta della FDA e degli studi clinici, Elizabeth Woeckner, presidente di Citizens for Responsible Care and Research Incorporated (CIRCARE),3  afferma che la capacità di supervisione dell’agenzia è gravemente sottofinanziata. Se la FDA riceve un reclamo su uno studio clinico, dice che l’agenzia raramente ha il personale disponibile per presentarsi e ispezionare. E a volte la supervisione avviene troppo tardi.
In un esempio CIRCARE e l’organizzazione statunitense di difesa dei consumatori Public Citizen, insieme a dozzine di esperti di salute pubblica, hanno presentato una denuncia dettagliata nel luglio 2018 alla FDA su uno studio clinico che non ha rispettato le normative per la protezione dei partecipanti umani. 4  Nove mesi dopo, nell’aprile 2019, un investigatore della FDA ha ispezionato il sito clinico. Nel maggio di quest’anno la FDA ha inviato alla triallist una lettera di avvertimento che ha confermato molte delle affermazioni nei reclami. Ha detto: “Sembra che tu non abbia aderito ai requisiti di legge applicabili e ai regolamenti fda che regolano la conduzione di indagini cliniche e la protezione dei soggetti umani”. 5
“C’è solo una completa mancanza di supervisione delle organizzazioni di ricerca a contratto e delle strutture di ricerca clinica indipendenti”, afferma Jill Fisher, professore di medicina sociale presso la University of North Carolina School of Medicine e autore di Medical Research for Hire: The Political Economy of Pharmaceutical Clinical Trials.
Ventavia and the FDA
A former Ventavia employee told The BMJ that the company was nervous and expecting a federal audit of its Pfizer vaccine trial.
“People working in clinical research are terrified of FDA audits,” Jill Fisher told The BMJ, but added that the agency rarely does anything other than inspect paperwork, usually months after a trial has ended. “I don’t know why they’re so afraid of them,” she said. But she said she was surprised that the agency failed to inspect Ventavia after an employee had filed a complaint. “You would think if there’s a specific and credible complaint that they would have to investigate that,” Fisher said.
In 2007 the Department of Health and Human Services’ Office of the Inspector General released a report on FDA’s oversight of clinical trials conducted between 2000 and 2005. The report found that the FDA inspected only 1% of clinical trial sites.6 Inspections carried out by the FDA’s vaccines and biologics branch have been decreasing in recent years, with just 50 conducted in the 2020 fiscal year.7

Ventavia e la FDA
Un ex dipendente di Ventavia ha detto a The BMJ  che la società era nervosa e si aspettava un audit federale della sua sperimentazione sul vaccino Pfizer.
“Le persone che lavorano nella ricerca clinica sono terrorizzate dagli audit della FDA”, ha detto Jill Fisher al BMJ,ma ha aggiunto che l’agenzia raramente fa altro che ispezionare i documenti, di solito mesi dopo la fine di un processo. “Non so perché abbiano così paura di loro”, ha detto. Ma ha detto di essere sorpresa che l’agenzia non sia riuscita a ispezionare Ventavia dopo che un dipendente aveva presentato un reclamo. “Si potrebbe pensare se c’è una denuncia specifica e credibile che dovrebbero indagare su questo”, ha detto Fisher.
Nel 2007 l’Ufficio dell’Ispettore Generale del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani ha pubblicato un rapporto sulla supervisione della FDA degli studi clinici condotti tra il 2000 e il 2005. Il rapporto ha rilevato che la FDA ha ispezionato solo l’1% dei siti di sperimentazione clinica. 6  Le ispezioni effettuate dal ramo vaccini e biologici della FDA sono diminuite negli ultimi anni, con solo 50 condotte nell’anno fiscale 2020. 7

The next morning, 25 September 2020, Jackson called the FDA to warn about unsound practices in Pfizer’s clinical trial at Ventavia. She then reported her concerns in an email to the agency. In the afternoon Ventavia fired Jackson—deemed “not a good fit,” according to her separation letter.
Jackson told The BMJ it was the first time she had been fired in her 20 year career in research.
La mattina dopo, il 25 settembre 2020, Jackson ha chiamato la FDA per  avvertire  delle pratiche non sane  nella  sperimentazione  clinica   di Pfizer a  Ventavia. Ha  poi  riferito le sue  preoccupazioni in una e-mail all’agenzia. Nel  pomeriggio  Ventavia  ha licenziato  Jackson –ritenuto   “non  adatto”,  secondo la sua  lettera di   separazione
Jackson ha detto al  BMJ  che  era la prima volta che veniva   licenziata    nei  suoi  20 anni  di  carriera nella ricerca.
Concerns raised
In her 25 September email to the FDA Jackson wrote that Ventavia had enrolled more than 1000 participants at three sites. The full trial (registered under NCT04368728) enrolled around 44 000 participants across 153 sites that included numerous commercial companies and academic centres. She then listed a dozen concerns she had witnessed, including:
– Participants placed in a hallway after injection and not being monitored by clinical staff
– Lack of timely follow-up of patients who experienced adverse events
– Protocol deviations not being reported
– Vaccines not being stored at proper temperatures
– Mislabelled laboratory specimens, and
– Targeting of Ventavia staff for reporting these types of problems.
Within hours Jackson received an email from the FDA thanking her for her concerns and notifying her that the FDA could not comment on any investigation that might result. A few days later Jackson received a call from an FDA inspector to discuss her report but was told that no further information could be provided. She heard nothing further in relation to her report.
In Pfizer’s briefing document submitted to an FDA advisory committee meeting held on 10 December 2020 to discuss Pfizer’s application for emergency use authorisation of its covid-19 vaccine, the company made no mention of problems at the Ventavia site. The next day the FDA issued the authorisation of the vaccine.8
In August this year, after the full approval of Pfizer’s vaccine, the FDA published a summary of its inspections of the company’s pivotal trial. Nine of the trial’s 153 sites were inspected. Ventavia’s sites were not listed among the nine, and no inspections of sites where adults were recruited took place in the eight months after the December 2020 emergency authorisation. The FDA’s inspection officer noted: “The data integrity and verification portion of the BIMO [bioresearch monitoring] inspections were limited because the study was ongoing, and the data required for verification and comparison were not yet available to the IND [investigational new drug].”
Preoccupazioni sollevate
Nella sua e-mail del 25 settembre alla FDA Jackson ha scritto che Ventavia aveva arruolato più di 1000 partecipanti in tre siti. Lo studio completo (registrato sotto NCT04368728) ha arruolato circa 44 000 partecipanti in 153 siti che includevano numerose società commerciali e centri accademici. Ha poi elencato una dozzina di preoccupazioni a cui aveva assistito, tra cui:
·        I partecipanti sono stati collocati in un corridoio dopo l’iniezione e non sono stati monitorati dal personale clinico
·        Mancanza di follow-up tempestivo dei pazienti che hanno manifestato eventi avversi
·        Deviazioni del protocollo non segnalate
·        I vaccini non vengono conservati a temperature adeguate


·        Campioni di laboratorio etichettati in modo errate, e
·        Targeting del personale di Ventavia per la segnalazione di questo tipo di problemi.
Nel giro di poche ore Jackson ha ricevuto un’e-mail dalla FDA che la ringraziava per le sue preoccupazioni e la informava che la FDA non poteva commentare alcuna indagine che potesse risultare. Pochi giorni dopo Jackson ha ricevuto una chiamata da un ispettore della FDA per discutere il suo rapporto, ma gli è stato detto che non potevano essere fornite ulteriori informazioni. Non ha sentito nulla di più in relazione alla sua relazione.
Nel documento informativo di Pfizer presentato a una riunione del comitato consultivo della FDA tenutasi il 10 dicembre 2020 per discutere la domanda di Pfizer per l’autorizzazione all’uso di emergenza del suo vaccino covid-19, la società non ha fatto menzione di problemi nel sito di Ventavia. Il giorno dopo la FDA ha rilasciato l’autorizzazione del vaccino. 8
Nell’agosto di quest’anno, dopo la piena approvazione del vaccino di Pfizer, la FDA ha pubblicato una sintesi delle sue ispezioni dello studio cardine dell’azienda. Nove dei 153 siti del processo sono stati ispezionati. I siti di Ventavia non sono stati elencati tra i nove e nessuna ispezione dei siti in cui sono stati reclutati adulti ha avuto luogo negli otto mesi successivi all’autorizzazione di emergenza di dicembre 2020. L’ufficiale di ispezione della FDA ha osservato: “L’integrità dei dati e la parte di verifica delle ispezioni BIMO [monitoraggio della bioricerca] erano limitate perché lo studio era in corso e i dati richiesti per la verifica e il confronto non erano ancora disponibili per l’IND [nuovo farmaco sperimentale]”.
Other employees’ accounts
In recent months Jackson has reconnected with several former Ventavia employees who all left or were fired from the company. One of them was one of the officials who had taken part in the late September meeting. In a text message sent in June the former official apologised, saying that “everything that you complained about was spot on.”
Two former Ventavia employees spoke to The BMJ anonymously for fear of reprisal and loss of job prospects in the tightly knit research community. Both confirmed broad aspects of Jackson’s complaint. One said that she had worked on over four dozen clinical trials in her career, including many large trials, but had never experienced such a “helter skelter” work environment as with Ventavia on Pfizer’s trial.
“I’ve never had to do what they were asking me to do, ever,” she told The BMJ. “It just seemed like something a little different from normal—the things that were allowed and expected.”
She added that during her time at Ventavia the company expected a federal audit but that this never came.
After Jackson left the company problems persisted at Ventavia, this employee said. In several cases Ventavia lacked enough employees to swab all trial participants who reported covid-like symptoms, to test for infection. Laboratory confirmed symptomatic covid-19 was the trial’s primary endpoint, the employee noted. (An FDA review memorandum released in August this year states that across the full trial swabs were not taken from 477 people with suspected cases of symptomatic covid-19.)
“I don’t think it was good clean data,” the employee said of the data Ventavia generated for the Pfizer trial. “It’s a crazy mess.”
A second employee also described an environment at Ventavia unlike any she had experienced in her 20 years doing research. She told The BMJ that, shortly after Ventavia fired Jackson, Pfizer was notified of problems at Ventavia with the vaccine trial and that an audit took place.
Since Jackson reported problems with Ventavia to the FDA in September 2020, Pfizer has hired Ventavia as a research subcontractor on four other vaccine clinical trials (covid-19 vaccine in children and young adults, pregnant women, and a booster dose, as well an RSV vaccine trial; NCT04816643NCT04754594NCT04955626NCT05035212). The advisory committee for the Centers for Disease Control and Prevention is set to discuss the covid-19 paediatric vaccine trial on 2 November.
Conti di altri dipendenti
Negli ultimi mesi Jackson si è ricollegato con diversi ex dipendenti di Ventavia che hanno lasciato o sono stati licenziati dall’azienda. Uno di loro era uno dei funzionari che avevano preso parte alla riunione di fine settembre. In un messaggio di testo inviato a giugno l’ex funzionario si è scusato, dicendo che “tutto ciò di cui ti sei lamentato era azzeccato”.
Due ex dipendenti di Ventavia hanno parlato con il BMJ  in modo anonimo per paura di rappresaglie e perdita di prospettive di lavoro nella comunità di ricerca strettamente unita. Entrambi hanno confermato ampi aspetti della denuncia di Jackson. Uno ha detto che aveva lavorato su oltre quattro dozzine di studi clinici nella sua carriera, tra cui molti studi di grandi dimensioni, ma non aveva mai sperimentato un ambiente di lavoro così “helter skelter” come con Ventavia nello studio di Pfizer.
“Non ho mai dovuto fare quello che mi chiedevano di fare, mai”, ha detto a The BMJ. “Sembrava solo qualcosa di un po’ diverso dal normale: le cose che erano permesse e che ci si aspettava”.
Ha aggiunto che durante il suo periodo a Ventavia la società si aspettava un audit federale, ma che questo non è mai arrivato.
Dopo che Jackson ha lasciato l’azienda, i problemi persistevano a Ventavia, ha detto questo dipendente. In diversi casi a Ventavia mancavano abbastanza dipendenti per tamponare tutti i partecipanti allo studio che hanno riportato sintomi simili al covid, per testare l’infezione. Il covid-19 sintomatico confermato in laboratorio era l’endpoint primario dello studio, ha osservato il dipendente. (Un memorandum di revisione della FDA pubblicato nell’agosto di quest’anno afferma che durante l’intero processo i tamponi non sono stati prelevati da 477 persone con casi sospetti di covid-19 sintomatico.)
“Non penso che siano stati buoni dati puliti”, ha detto il dipendente dei dati che Ventavia ha generato per lo studio Pfizer. “È un casino pazzesco.”
Un secondo dipendente ha anche descritto un ambiente a Ventavia diverso da qualsiasi altro che avesse sperimentato nei suoi 20 anni di ricerca. Ha detto al BMJ  che, poco dopo che Ventavia ha licenziato Jackson, Pfizer è stata informata di problemi a Ventavia con la sperimentazione del vaccino e che ha avuto luogo un audit.
Da quando Jackson ha segnalato problemi con Ventavia alla FDA nel settembre 2020, Pfizer ha assunto Ventavia come subappaltatore di ricerca su altri quattro studi clinici sul vaccino (vaccino covid-19 in bambini e giovani adulti, donne incinte e una dose di richiamo, nonché uno studio sul vaccino RSV; NCT04816643,  NCT04754594,  NCT04955626,  NCT05035212). Il comitato consultivo dei Centers for Disease Control and Prevention discuterà la sperimentazione del vaccino pediatrico covid-19 il 2 novembre.
Footnotes
Competing interests: PDT has been doubly vaccinated with Pfizer’s vaccine.
Note a piè di pagina
 Interessi concorrenti: PDT  è  stato  doppiamente  vaccinato  con il vaccino di Pfizer. 
(Credo che PDT siano le iniziali di Paul D Thacker (autore del servizio),

File in pdf

BMJ – British American Journal

Fonte : Thebmj

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: