Di questa tragedia umana sono venuto a conoscenza dal Mainstream di TAILANDIA, INDIA e di Aljazeera. Non ho letto nè sentito nulla dal Mainstream nazionale

Fonte : ALJAZEERA

I rifugiati e i migranti bloccati affermano di avere un disperato bisogno di aiuto mentre la disputa tra Unione europea e Bielorussia si intensifica.

C’è un senso di stanchezza sul terreno da parte degli attivisti che hanno chiamato l’attenzione per mesi su una crisi a cui le persone si stanno appena svegliando. Ora, migliaia di persone sono accampate al confine bielorusso mentre la Polonia, membro dell’Unione europea, ha negato loro l’ingresso in mezzo a uno stallo con il suo vicino. A pochi chilometri dai posti di blocco, Kochar*, un uomo curdo-iracheno di 26 anni, è uno di quelli intrappolati dall’altra parte della recinzione. Invia una posizione WhatsApp che blocca il suo posto proprio di fronte al valico di frontiera polacco di Kuznica. Kochar, che temeva persecuzioni in Iraq dopo aver lavorato per un partito politico curdo in Iran, ha detto di aver letto sui social media che avrebbe potuto prendere un volo per la capitale della Bielorussia, Minsk, e arrivare in Europa in quel modo. “Sapete che l’Iran può fare qualsiasi cosa in Iraq, forse un giorno mi prenderanno”, ha detto. Ci sono due opzioni ora nella sua mente: “Morire qui o morire nel mio paese; molti di noi hanno la stessa situazione”. Laureato in matematica all’Università di Sulaymaniyah in Iraq, Kochar sperava di poter avere migliori prospettive nell’UE, ma ora sa di aver intrapreso un viaggio pericoloso per trovare una vita migliore. “A volte farai di tutto per sfuggire alla morte”, ha detto, anche se si rende conto di essere stato coinvolto in un tiro alla fune geopolitico tra l’UE e la Bielorussia. “Non è l’umanità [quello che] l’Europa e la Bielorussia fanno con noi”, ha detto. “So che la Bielorussia ci sta usando, ma cosa dobbiamo fare?” Termini come “guerra ibrida” e “armamento” sono stati usati per descrivere la situazione crescente di persone disperate attirate dal presidente bielorusso Alexander Lukashenko ai confini dell’UE – ma Kochar trova questi termini difficili da digerire. “Non ci piace”, ha detto, rifiutando di essere descritto come una “arma”. “Siamo qui per tutta la vita, non per combattere”, ha detto, sottolineando il numero di bambini intorno a lui nel campo di fortuna. La situazione dalla sua parte del confine è disperata. Invia foto di bambini piccoli con messaggi di aiuto scarabocchiati sui loro volti. Non c’è abbastanza legna per accendere fuochi, non c’è abbastanza cibo per le persone e molti sono malati a causa delle temperature fredde, ha detto. “Vogliamo solo che questa brutta cosa finisca”, ha aggiunto Kochar. “È una brutta cosa, [usare] le persone e dimenticare l’umanità”. “Voglio che l’Europa e tutto il mondo sappiano che siamo in pericolo. Moriremo qui presto. Ci congeleremo”, ha detto. “La Bielorussia e la Polonia ci usano come una guerra. Vogliamo una buona vita. Siamo umani. Non voglio morire qui, ho molte ambizioni, penso che l’Europa sia piena di umanità, ma non vedo nulla fino ad ora. Per favore, per favore aiutateci.”

Narrazioni “profondamente disumanizzanti”

Maurice Stierl, della rete di attivisti Alarm Phone, ha detto che i paesi europei non hanno trovato altro modo per affrontare la questione della migrazione “che vederlo come un gigantesco problema politico, cosa che, ovviamente, non è. L’Europa ha i mezzi per accogliere un paio di migliaia di persone provenienti dalle foreste bielorusse”. Stierl ha continuato a descrivere le azioni della Bielorussia come “ovviamente scioccanti”, ma ha aggiunto che “quando sentiamo parlare di ‘strumentalizzazione’ e migranti come ‘armi’ si sottovaluta sempre il fatto che queste persone non sono semplicemente una sorta di pedine mosse su una scacchiera da Lukashenko e altri leader autoritari – sono individui che hanno molte ragioni per volersi muovere”. Stierl ha detto che è fondamentale sottolineare l’agenzia delle persone in movimento. “Altrimenti, siamo sempre bloccati in questo binario in cui possono essere intesi solo come minacce militari o come vittime assolute – e, in molti modi, entrambe le narrazioni sono profondamente disumanizzanti”. Nel frattempo, coloro che sono coinvolti nel tumulto sul terreno continuano a trovarsi in gravi difficoltà. Domenica mattina presto, Kochar ha inviato un messaggio per dire che si era ammalato. “I soldati bielorussi ci hanno detto che dovremmo tagliare il confine oggi; se non lo facciamo, ci spingono e ci colpiscono, tutti sono così arrabbiati per questo”, ha detto. “Non stiamo facendo nulla fino ad ora e non permettiamo ad altri di farlo”, ha continuato, aggiungendo che non voleva nemmeno tagliare la recinzione di confine. “Saremo forti”, recitava il suo ultimo messaggio. “Spero che rimaniamo nella vita.”

*Nome modificato per proteggere l’identità

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: