di Julie Berg Melfald Giornalista (Fonte Aftenpoften)

48.000 cartucce e 62 chilogrammi di esplosivo sono scomparsi dalle scorte di armi delle forze speciali tedesche. Le autorità tedesche sono preoccupate.

Un giorno di maggio, mentre il resto della Germania sta ancora lottando per la crisi del coronavirus, le forze di polizia stanno scavando il giardino di un sergente delle forze speciali tedesche. Sottoterra, trovano una scorta di esplosivi, armi e migliaia di cartucce. Si ritiene che tutto sia stato rubato dal posto di lavoro del soldato. Inoltre, troverete un magazzino con effetti nazisti.

Aveva un piano. E non è l’unico“, ha detto Eva Högl, commissario parlamentare tedesco per le forze armate, scrive il New York Times.

Il caso ha ricevuto molta attenzione in Germania. Soprattutto perché si ritiene che il soldato che ha servito le forze speciali tedesche per 19 anni sia un neonazista. Non è solo nelle sue opinioni di destra all’interno dei ranghi della difesa del paese. Questo è il caso sia della leadership politica del paese che dell’esercito.

Allarmante

Circa 600 soldati tedeschi sono sotto inchiesta per legami con l’estremismo, secondo le cifre dell’esercito. Di questi, circa 20 dei casi coinvolgeranno soldati appositamente addestrati nelle forze speciali dell’esercito, noti anche come KSK. Questa è una proporzione che è cinque volte più alta che in altre parti dell’esercito tedesco.

Il professore di politica internazionale all’Università di Monaco, il dottor Carlos Masala, afferma che il caso del sergente ha contribuito a un dibattito molto importante sugli atteggiamenti all’interno dell’esercito tedesco. “Se si guarda al numero di casi rispetto al numero di soldati nella forza, ci sono indubbiamente problemi con l’estremismo di destra nelle forze speciali. Questo è un caso di soldati d’élite molto ben addestrati, quindi è allarmante “, ha detto Masala.

Parte sciolta delle forze speciali

Sulla scia dell’azione della polizia contro il sergente, è stato nominato un comitato per indagare sulla prevalenza di atteggiamenti di estrema destra in KSK. I risultati del comitato hanno portato il ministro della Difesa tedesco, Annegret Kramp-Karrenbauer, a dare alla leadership di KSK un messaggio chiaro la scorsa settimana: ripulire i propri ranghi entro ottobre. “KSK non può continuare nella sua forma attuale“, ha detto Kramp-Karrenbauer in una conferenza stampa. Ha descritto la cultura nelle forze speciali come “elitarismo malsano” e con “leadership tossica“, secondo la BBC.

Le forze speciali non saranno autorizzate a partire da missioni internazionali fino a quando non saranno stati rivisti i metodi di reclutamento, addestramento e gestione. Inoltre, il ministro della Difesa ha annunciato una riforma con misure drastiche. Tra le altre cose, una delle quattro unità di KSK viene rimossa. Lì, gli atteggiamenti di estrema destra avevano guadagnato un punto d’appoggio così forte che l’unica cosa che si poteva fare era chiuderlo.

Potrebbe essere il gancio sulla porta se non vengono apportate modifiche

È stato anche riferito che le forze speciali non potevano spiegare dove erano finiti ben 62 chilogrammi di esplosivi e 48.000 cartucce. Questo è stato particolarmente allarmante considerando il ritrovamento nel giardino del sergente, ha detto Kramp-Karrenbauer. Ora sta chiedendo che le forze speciali scoprano dove è andato il resto dell’arsenale.

Il professor Masala ritiene che potrebbe essere il gancio per la porta per KSK se non ci saranno cambiamenti concreti nei prossimi mesi. “Abbiamo un ministro della Difesa che è molto dedito alla questione e vuole dare vita alla radice del problema. È seria. Credo quindi che ci saranno grandi cambiamenti nelle forze. La leadership di KSK non ha scelta“, ha detto Masala.

Il soldato KSK ha inviato una lettera sulla “cultura della paura” nel proprio dipartimento

Le accuse di estremismo all’interno della forza d’élite del paese hanno attirato l’attenzione già nel 2017. Si dice che diversi soldati del KSK abbiano salutato con “saluti hitleristi” e suonato musica rock neonazista a una festa di addio per uno dei capi. Non più tardi di giugno, un giovane soldato KSK ha inviato una lettera al ministro della Difesa esortandola ad avviare un’indagine sul proprio dipartimento. Ha descritto una “cultura tossica dell’accettazione” e una “cultura della paura“. Gli atteggiamenti estremi tra i suoi commilitoni sono stati ignorati e, occasionalmente, accettati, secondo il soldato, scrive il New York Times.

Elitismo e scarsa leadership caratterizzano l’ambiente

Il professor Masala crede che la lealtà e la leadership fallita permettano agli atteggiamenti estremi di emergere in una squadra incaricata di affrontare la missione più pericolosa della Germania. “Queste forze speciali vivono per grandi periodi completamente tagliate fuori dal mondo esterno. Quando sei in missioni segrete e mortali insieme, devi essere in grado di fidarti completamente del sideman. Crea un legame molto speciale e lealtà reciproca. Sarà una sorta di culto militare. Non ci si becca l’un l’altro“, ha detto Masala.

Ci sono anche leader del KSK che credono che l’esercito e l’addestramento dovrebbero essere molto aggressivi e maschili. Inoltre, KSK è stato finora autorizzato a operare abbastanza liberamente dal resto dell’esercito tedesco. Poi c’è un atteggiamento che uno è più speciale di altri. Molti dei soldati rimangono nella forza per 15-20 anni, quindi si ottengono pochi impulsi dall’esterno“, continua il professore.

È stato anche ipotizzato che l’ascesa del partito di destra Alternativa per la Germania (AfD) nell’arena politica potrebbe essere collegata all’estremismo di destra all’interno dei ranghi difensivi. In alcuni stati, il controverso partito ha ben oltre il 20% dei conseggi. Per ora, Masala ritiene che si dovrebbe usare cautela nell’usare l’AfD come fattore esplicativo. “Penso che il problema principale risieda principalmente nella struttura di KSK. Questo è ciò che deve cambiare“. 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: