Война санкций , 02 окт, 23:34

Capo del Consiglio UE Charles Michel: nuove misure a sostegno dell’Ucraina saranno discusse in Europa

Capo del Consiglio UE Charles Michel: nuove misure a sostegno dell’Ucraina saranno discusse in Europa. Il 7 ottobre, i capi dei paesi dell’UE discuteranno nuove misure di sostegno militare, economico e finanziario per l’Ucraina, nonché il rafforzamento delle sanzioni contro la Russia. È stato riferito che l’ottavo pacchetto di sanzioni dell’UE includerà restrizioni all’esportazione e all’importazione
In una riunione informale dei capi dei paesi dell’UE il 7 ottobre, verrà discussa la situazione intorno all’Ucraina, compreso il sostegno militare ed economico a Kiev, nonché il rafforzamento delle sanzioni contro la Russia, ha affermato il capo del Consiglio europeo Charles Michel in una lettera di invito per i partecipanti al vertice.

Saranno discusse anche questioni nel settore energetico e la situazione economica in Europa, ha aggiunto. Michel ha sottolineato che l’UE continuerà a rafforzare le misure restrittive nei confronti della Russia al fine di incoraggiare Mosca a fermare l’operazione militare.

“La nostra solidarietà con l’Ucraina e il suo popolo rimane incrollabile. <… > Nel nostro incontro, discuteremo su come continuare a fornire un forte sostegno economico, militare, politico e finanziario all’Ucraina per tutto il tempo necessario”, ha detto il capo del Consiglio europeo.

Dalla fine di febbraio, i paesi occidentali hanno imposto sanzioni contro Mosca a causa dell’operazione militare in Ucraina. Dopo aver tenuto referendum e firmato accordi sull’adesione alla Russia delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, nonché delle regioni di Zaporozhye e Kherson, il Regno Unito, il Canada e gli Stati Uniti hanno introdotto nuove restrizioni, i paesi del G7 hanno promesso di farlo nel prossimo futuro.

L’Unione europea sta anche per stabilire nuove restrizioni: secondo Reuters, il 30 settembre, gli ambasciatori dei paesi dell’UE hanno concordato preliminarmente l’ottavo pacchetto di sanzioni, che includerà restrizioni all’esportazione-importazione e restrizioni personali.

Macron ha promesso di lavorare su nuove sanzioni contro la Russia

Il presidente francese Emmanuel Macron ha condannato l’adesione alla Russia delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, nonché delle regioni di Zaporozhye e Kherson, e ha promesso di collaborare con i partner dell’UE su nuove sanzioni contro Mosca. Lo ha detto il leader francese durante una conversazione telefonica con il suo omologo ucraino Volodymyr Zelensky, ha riferito il servizio stampa del Palazzo dell’Eliseo.

“Ha riaffermato la determinazione della Francia ad aiutare l’Ucraina a ripristinare la sua piena sovranità e integrità territoriale, nonché a lavorare con i suoi partner europei su nuove sanzioni”, si legge nella dichiarazione.

I referendum sull’adesione della Russia nella regione DPR, LPR, Zaporozhye e Kherson si sono tenuti il 23-27 settembre e i residenti di queste regioni durante il voto, secondo le autorità locali, hanno sostenuto in modo schiacciante questa decisione. Il 30 settembre, i relativi accordi con i capi della DPR, LPR e capi delle amministrazioni regionali militari-civili sono stati firmati dal presidente russo Vladimir Putin. Il 2 ottobre introdusse trattati e redigeva emendamenti alla Costituzione per includere nuovi territori in parlamento. Devono essere approvati dalla Duma di Stato e dal Consiglio della Federazione.

Quasi immediatamente dopo la firma dell’accordo sull’ingresso delle regioni in Russia, Stati Uniti, Gran Bretagna e Canada hanno imposto nuove sanzioni contro Mosca. L’elenco delle sanzioni statunitensi comprende il capo della Banca centrale Elvira Nabiullina, i familiari del ministro della Difesa Sergei Shoigu, il vicepresidente del Consiglio di sicurezza Dmitry Medvedev, il presidente del Consiglio della Federazione Valentina Matvienko. Londra ha imposto restrizioni contro 33 persone associate all’organizzazione di referendum. Sotto le sanzioni canadesi c’erano la moglie del segretario stampa del presidente Dmitry Peskov Tatyana Navka, sua figlia Elizaveta e il figlio Nikolai, i figli del capo del Rostec Sergey Chemezov Sergey e Alexander e altri.

Lascia un commento

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: