Biden ha incontrato Greiner e la famiglia di Willan il 16 settembre. Secondo la moglie del giocatore di basket Cheryl, l’amministrazione del Presidente degli Stati Uniti non poteva spiegare le richieste di Mosca per uno scambio.

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden non ha potuto spiegare ai parenti di Brittney Greiner e Paul Whelan le richieste della Russia per lo scambio di prigionieri. Questo è stato detto alla CNN dalla moglie di Greiner Cheryl.

“L’amministrazione Biden non è riuscita a spiegare cosa vuole la Russia (per lo scambio di prigionieri)”, ha detto Cheryl.

Allo stesso tempo, la moglie del giocatore di basket ha ammesso che l’incontro del leader americano con i parenti dei prigionieri è stata un’importante conferma dell’intenzione della Casa Bianca di riportare gli americani a casa.

Il 13 agosto, il ministero degli Esteri russo ha confermato che gli Stati Uniti e la Russia stavano discutendo lo scambio di diversi prigionieri, tra cui il russo Viktor Bout e gli americani Paul Whelan e Brittney Greiner.

La proposta degli Stati Uniti alla Russia di scambiare Booth con Greiner e Whelan è stata riportata dalla CNN il 27 luglio. Due giorni dopo, il segretario di Stato americano Antony Blinken e il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov hanno discusso di un possibile scambio. Tuttavia, la Casa Bianca in seguito ha definito frivola la risposta russa. Il ministero degli Esteri, a sua volta, ha detto che i negoziati sono in corso, ma non ci sono ancora risultati concreti.

Paul Whelan è un americano che sta scontando una condanna a 16 anni in Russia con l’accusa di spionaggio. L’indagine lo considera un ufficiale dell’intelligence di carriera che, prima del suo arresto nel 2018, ha raccolto informazioni segrete in Russia e ha cercato di reclutare ufficiali dell’FSB e del Ministero della Difesa. Whelan si è dichiarato non colpevole.

Brittney Greiner è una giocatrice di basket americana che ha giocato per UMMC Yekaterinburg. A febbraio, è stata arrestata all’aeroporto Sheremetyevo di Mosca con cartucce per vaporizzatori con olio di hashish nel bagaglio a mano. L’atleta è stato condannato ai sensi dell’articolo sul contrabbando di droga a nove anni di carcere. La stessa Greiner ha ammesso di aver trasportato droghe, ma i suoi avvocati insistono sul fatto che le è stata prescritta cannabis medica da un medico negli Stati Uniti per alleviare il dolore cronico. Il 15 agosto, la difesa di Greiner ha fatto appello al verdetto.

Victor Bout è stato condannato negli Stati Uniti a 25 anni di carcere con l’accusa di traffico illegale di armi e sostegno al terrorismo.

Lascia un commento

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: