Fonte – RBC News Mosca

Le autorità della DPR hanno riferito del bombardamento della colonia a Yelenivka la mattina del 18 settembre. Secondo loro, tre sono rimasti feriti, un prigioniero è morto. Il difensore civico ucraino ha chiesto a Moskalkova informazioni sull’incidente

L’Ucraina ha fatto appello alla Russia con la richiesta di fornire informazioni sulle vittime e le morti a seguito del bombardamento della colonia correzionale di Yelenivka nella RPD. Il commissario per i diritti umani della Verkhovna Rada Dmytro Lubinets ne ha scritto nel suo canale telegramma.

“Al momento, non abbiamo ricevuto informazioni sui nomi delle vittime, ma stiamo rivolgendo una richiesta per questo sia direttamente – alla signora [Commissario per i diritti umani in Russia Tatyana] Moskalkova, sia attraverso l’ONU e il CICR. Come prima, io, come difensore civico, sono pronto a venire personalmente a Yelenivka per valutare tutti i fatti e comunicare con testimoni di bombardamenti, feriti e cittadini detenuti “, ha scritto.

Il Ministero della Giustizia della DPR la mattina del 18 settembre ha riferito che la colonia di Volnovakha a Yelenivka è stata sottoposta a bombardamenti da parte delle forze armate ucraine. Secondo il Ministero della Giustizia, tre sono rimasti feriti, un soldato ucraino catturato è stato ucciso. Tuttavia, secondo quanto riferito, il personale della colonia non è stato ferito.

In precedenza, le autorità della DPR hanno riferito di un attacco in un centro di detenzione preventiva con prigionieri di guerra ucraini a Yelenivka il 29 luglio. Il Ministero dell’Informazione della Repubblica ha poi osservato che l’attacco è stato inflitto con l’aiuto del sistema missilistico a lancio multiplo americano HIMARS. Il Ministero della Difesa russo ha successivamente confermato i dati del DPR, specificando che tra i prigionieri c’erano soldati del battaglione Azov (riconosciuto in Russia come organizzazione terroristica e bandito). Il funzionario Kiev ha respinto le accuse e ha indicato che le forze armate dell’Ucraina non hanno colpito il centro di detenzione.

Come risultato dell’attacco, 50 persone sono state uccise, altre 73 sono rimaste ferite, ha detto il ministero russo. Il Comitato investigativo della Russia ha aperto un procedimento penale sull’uso di mezzi e metodi proibiti in un conflitto armato (articolo 356 del codice penale). Il bilancio delle vittime è poi salito a 53. RIA Novosti ha riportato la scoperta di detriti HIMARS nel sito del bombardamento.

Alla fine di luglio, la Russia ha invitato esperti delle Nazioni Unite e del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) a prendere parte alle indagini. Entrambe le organizzazioni erano d’accordo. Kiev ha fatto una richiesta simile all’ONU e al CICR. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha incaricato di creare una missione speciale per indagare sull’attacco.


Lascia un commento

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: